Storia

L’associazione “Abitare Insieme” è stata costituita nel Marzo del 1992, intorno ad esperienze vissute nel mondo dell’associazionismo cattolico e del volontariato, nel settore dell’handicap e dell’emarginazione. Essa si ispira ai principi cristiani di non violenza, giustizia e attenzione verso chi viene relegato ai margini della società, ritenendo l’ospitalità e l’accoglienza valori fondamentali della vita quotidiana. Si propone di gestire attività sociali e culturali tendenti a promuovere uno spirito di apertura delle famiglie e dei volontari all’accoglienza delle persone più fragili. Promuove l’effettiva partecipazione democratica alla vita sociale di ogni persona attraverso la lotta contro tutte le nuove forme di emarginazione.

Nasce, dunque, con l’obiettivo di realizzare una comunità di famiglie solidali ed offrire servizi al territorio per dare risposta ai bisogni di inclusione sociale e supporto a tutti coloro che hanno importanti carichi assistenziali.

A tal fine è stata realizzata una struttura edilizia ampia, polivalente e flessibile composta da moduli abitativi adeguati alle diverse esigenze dei fruitori; essa consente un continuo contatto tra i nuclei familiari, i volontari e le persone con disabilità, facendo in modo che, coloro che si trovano in condizioni di bisogno, possano essere sostenuti ed accompagnati nello svolgimento della vita quotidiana.

Alcuni degli appartamenti del complesso sono dedicati all’accoglienza temporanea di persone in difficoltà e allo svolgimento di brevi percorsi residenziali per coloro che frequentano il centro diurno dell’associazione, volti a potenziare la propria autonomia e a dare momenti di respiro ai loro familiari che, altrimenti, non avrebbero la possibilità di dedicare un po’ di tempo a sé stessi.

All’interno della struttura stessa è stato istituito un centro diurno che si rivolge principalmente a persone adulte o giovani maggiorenni usciti dal circuito scolastico, con disabilità fisica e/o relazionale; in esso si svolgono attività laboratoriali a carattere socio occupazionale e attività ludico-ricreative di vario genere.

L’ abitazione è circondata da un ampio spazio con vaste zone d’ombra in cui poter trascorrere tranquillamente il tempo libero e da un esteso terreno coltivabile e totalmente accessibile alle persone con handicap fisici, in cui sono stati realizzati orti sociali e predisposta una serra, in cui è possibile cimentarsi nella coltivazione e nella cura di prodotti ortofrutticoli e piante diverse.

Con il passare del tempo questa realtà si è notevolmente ampliata grazie al coinvolgimento di personale qualificato, di giovani volontari e tirocinanti universitari che, con il loro entusiasmo e volontà di partecipazione, hanno reso e rendono possibile lo svolgimento di numerose attività.

“…L’ associazione Abitare Insieme, non ha scopi di lucro ed ha struttura democratica. Riconoscendo il valore sociale e la funzione dell’attività di volontariato come espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo si propone di integrare gli handicappati nella famiglia, nella scuola, nel lavoro e nella vita sociale, rivendicando ad essi la dignità ed i diritti di ogni uomo. L’associazione vuole vivere i principi e i valori su cui è fondata di non violenza e di amore scambievole di giustizia e di attenzione verso chi viene relegato ai margini della società, all’interno delle proprie famiglie in un cammino di condivisione e di apertura ai bisogni di persone in difficoltà; ritiene l’ospitalità e l’accoglienza valori fondamentali della propria vita quotidiana. Essa si propone, altresì, di gestire attività sociali e culturali tendenti a promuovere uno spirito di apertura verso tutti coloro che vivono nel disagio…”

 

 

palazzo-associazione-abitare-insieme-laquila
palazzo-associazione-abitare-insieme-laquila

La struttura edilizia

Il progetto edilizio è così realizzato:

Il piano terra è adibito a centro polivalente con sala riunioni, laboratori, biblioteca, cucina/taverna, spazi ricreativi, per una superficie di mq. 250 con ambienti idonei alla mobilità interna. Le attività sono gestite dalle famiglie in collaborazione con le associazioni di volontariato e i giovani in servizio civile volontario; inoltre sono in fase di attuazione convezioni con Enti ed Istituzioni.

Due appartamenti di circa mq. 100 finalizzati all’accoglienza temporanea e per progetti mirati alla vita autonoma per disabili, gli spazi interni sono adeguati per la mobilità ed autonomia di soggetti svantaggiati (un appartamento attualmente utilizzato da persone anziane in situazione di disagio a causa del terremoto) ;

Tre appartamenti, per le famiglie residenti realizzati in modo tale da consentire ai disabili la loro fruibilità, con una qualità architettonica in grado di agevolare le relazioni tra i diversi nuclei familiari;

Nel terreno circostante sono in fase di realizzazione percorsi attrezzati che consentano ai portatori di handicap di dedicarsi al giardinaggio, ed a piccoli lavori agricoli, d’allevamento ed artigianali.

 

Come sostenere le nostre attività

Con il "5 X 1000"

inserendo nella tua dichiarazione dei redditi il Codice Fiscale 93021740662

Con "contributi liberali"

deducibili dalla dichiarazione dei redditi IBAN IT07V0538703601000000086537

Con "un’offerta sui prodotti artistico-artigianali"

realizzati interamente da noi per finanziare l’attività laboratoriale di ceramica. (Li trovate esposti presso la nostra sede e sporadicamente nei mercatini locali).

 

Con il "fiore della solidarietà"

in memoria dei cari defunti.

Richiedilo presso la sede dell’Associazione o i suoi soci, le Pompe Funebri Taffo, Pacini e Vivio (Paganica).

Alcuni dati dell’Associazione

Iscritta al Registro Regionale delle organizzazioni di volontariato, istituito ai sensi dell’Art. 4 della L.R. 37/93 dal 16/08/2006

Nel corso degli anni l’Associazione ha stretto rapporti di collaborazione con il Comune di L’Aquila, settore delle politiche sociali curando per conto dello stesso l’inserimento dei PAI nei propri laboratori.

Dal 2008 è accreditata a livello regionale per ospitalità di ragazzi in servizio civile;

Dal 5 luglio 2010 è accreditata, ai sensi della Legge Regionale 4.1.2005, n. 2, ed autorizzata con delibera comunale “..all’esercizio dell’attività di erogazione di servizi alla persona , i cui destinatari sono persone disabili psico-fisici;.. “

Dal 2010 è convenzionata con le facoltà di PSICOLOGIA e di SCIENZE DELLA FORMAZIONE dell’Univesità di l’Aquila per lo svolgimento delle attività di tirocinio e di orientamento (ai sensi dell’art, 18 L. 196/97 e dell’art. 1 Dec. Min. Lavoro e Previdenza Sociale n. 142/98) per studenti, laureati e diplomati.

Anno 2010/2011 convenzione con la Provincia di L’Aquila per n. 1 borsa lavoro della durata di mesi 6.

Anno 2012 convenzione con la Provincia di L’Aquila per n. 1 borsa lavoro della durata di mesi 6

Svolge attività con le scuole di secondo livello e le scuole elementari per la sensibilizzazione dei giovani alla diversità.

 

 

i

Convenzionata con L'Università di L'Aquila

i

Convenzionata con la Provincia di L'Aquila

i

Convenzionata con le scuole di 2° livello